Ottobre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Le principali cause

  • fiamme libere
  • solidi, liquidi e vapori ad alta temperatura
  • causticazione chimica
  • da corrente elettrica

Le ustioni possono essere

 

  • I grado
  • II grado
  • III grado

 

Come calcolare l’area dell’ustione

 

Per stimare l’estensione di una ustione si ricorre alla “regola del nove”. 

  • testa e collo 9%
  • ciascun arto superiore 9%
  • torace e addome 18%
  • schiena 18%
  • ciascun arto inferiore 18%
  • regione genitale 1%

 

Ustioni critiche

  • interessamento delle vie aeree (escreato carbonaceo, stridore laringeo)
  • ustioni al capo e al collo
  • di 2° e 3° > 20% del corpo
  • ustioni di terzo grado di mani, piedi, perineo e genitali

 

Primo soccorso nelle ustioni

 

Ustione termica

  • sicurezza (attenzione a tossici volatili come CO  e altre sostanze)
  • allontanare il paziente dall’agente lesivo
  • togliere i vestiti non adesi alla cute
  • raffreddare le superfici corporee interessate all’ustione lavando abbondantemente  con acqua o con soluzione fisiologica
  • coprire con teli sterili e quindi coprire con telo isotermico metallina
  • ABCDE con ossigeno terapeutico
  • essere pronti a fronteggiare un eventuale stato di shock
  • quando è presente un sanguinamento attivo applicare materiale compressivo e trattare tutte le lesioni associate prima di ricoprire l’area ustionata
  • immobilizzazione
  • monitoraggio delle funzioni vitali

 

Ustione chimica

  • autoproteggersi e valutare la sicurezza della scena
  • detergere la sostanza con abbondante acqua corrente, a meno che si tratti di calce secca
  • proteggere la parte ustionata con un telino sterile
  • ABCDE con ossigeno terapeutico
  • essere pronti a fronteggiare un eventuale stato di shock
  • in caso di ustione oculare da calce secca si deve procedere al lavaggio dell’occhio essendo questo un ambiente umido di per se e la calce secca si attiva comunque e corrode

 

Inalazione di fumi

  • sospettare l’inalazione di fumo in base alla dinamica dell’evento, valutare se presenti  tracce di fumo sul volto, tosse ed espettorato eccessivo e nerastro
  • posizionare la persona semi-seduta
  • ABCDE con ossigeno ad alti flussi
  • essere pronti a fronteggiare un eventuale stato di shock

 

 

   Se desideri porre una domanda clicca sul tasto