Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Il pilota piacentino campione mondiale di motonautica Alessandro Cremona è testimonial della Croce Rossa.
Alessandro ha deciso di sposarne come testimonial il progetto, che riguarda la promozione e diffusione delle manovre di disostruzione pediatrica.

Durante le gare di Jedovnice esporrà infatti sulla sua imbarcazione il logo della CRI con la riproduzione della mano colorata, simbolo della campagna di sensibilizzazione.
L'iniziativa nasce in collaborazione con la Croce Rossa di Piacenza che da tempo può contare su un attivissimo gruppo di volontari, in prima linea nel sensibilizzare la popolazione sull'importanza delle manovre salvavita.

Dalla costituzione del gruppo nel 2011 sono state formati, tra volontari e laici circa 10.000 persone alle manovre salvavita.
Recentemente il Gruppo MSP di Piacenza è stato ospite presso l'emittente locale di Telelibertà durante la trasmissione "Fuori Sacco" presentando le manovre salvavita pediatriche.
Il nostro programma per il 2016 è di diffondere la manovre di disostruzione ai ragazzi delle scuole medie e superiori, presso le aziende, agli operatori delle scuole materne.
Inoltre presso le emittenti locali il gruppo MSP si farà da promotore sulle tematiche che riguardano i bambini "prevenzione e manovre di primo soccorso".
L'idea di proporre Alessandro Cremona come testimonial è nata da Cristina Bolzoni, coordinatrice del gruppo Manovre SalvaVita di CRI Piacenza, la proposta è stata accolta con molto entusiasmo dal campione Alessandro Cremona, persona molto sensibile e attenta alle tematiche che riguardano il primo soccorso. Lo sportivo nei prossimi giorni, durante l'International Motor Boat Racing previsto per sabato 3 e domenica 4 settembre 2106 si colorerà le dita con gli stessi colori simbolo dell'immagine simbolo MSP e scatterà le foto a bordo dello scafo per utilizzarle a fini promozionali. "L'auspicio dei volontari di Croce Rossa è che l'esempio di Cremona possa essere solo il primo di una lunga serie"